NOTIZIE

YYACHTS LANCIA TRIPP 90 – UNO SLOOP IN CARBONIO DA 90 PIEDI

Il Tripp 90 celebrerà la sua prima uscita mondiale al Cannes Yachting Festival prima di salpare per una traversata atlantica.

YYachts continua la sua proficua collaborazione con Bill Tripp. La divisione custom del cantiere Greifswald ha appena varato uno yacht in carbonio da 90 piedi, il cui design e costruzione provenivano dal tavolo da disegno del designer statunitense. Lo yacht - uno dei più grandi a vela mai costruiti in Germania - è stato ordinato da un cliente americano che prevede di utilizzarlo sia per le regate che per le crociere in tutto il mondo. Tuttavia, prima di salpare con il suo nuovo armatore, Tripp 90 sarà sottoposto a test intensivi nel Mar Baltico vicino a Greifswald. Anche Bill Tripp è sul posto ed è entusiasta delle prestazioni: "Lo yacht naviga eccezionalmente bene. Insieme a Michael Schmidt Yachtbau, abbiamo stabilito uno standard altissimo che altri devono ancora raggiungere".

Gli interni spaziosi del Tripp 90 sono stati ideati da Winch Design di Londra e sono minimalisti e a pianta aperta e beneficiano di molta luce naturale. Il tutto appare elegante e sobrio grazie all’utilizzo di morbida pelle e legno di quercia chiaro che traggono ispirazione stilistica dalla costa orientale degli Stati Uniti e dalle influenze scandinave della metà del secolo.

Il Tripp 90 celebrerà la sua prima gara mondiale allo Yachting Festival di Cannes prima di salpare per una traversata atlantica.

Altre novità

YYACHTS ANNUNCIA LA PARTNERSHIP CON TEFAF, LA RINOMATA FIERA D'ARTE PER LE BELLE ARTI, ANTIQUARIATO E DESIGN.

Siamo lieti di condividere notizie entusiasmanti da YYachts, annunciamo con orgoglio la partnership con The European Fine Art Foundation (TEFAF), la rinomata organizzazione per le belle arti, l'antiquariato e il design.  

Mat-Top100

YBreeze premiato nella Top Masterpiece

L'anno 2023 si è concluso con una bellissima sorpresa per noi. Il nostro YBreeze, per la prima volta questa primavera, è stato nominato TOP 100 Masterpiece dalla rivista Materialist.